Lavori in casa: aprire una nuova finestra

L’ultimo progetto consegnato nel 2018 è stato piuttosto particolare: si trattava di riconfigurare un appartamento al piano terra di un condominio per farlo diventare una casa vacanza. Ma non vi racconterò del progetto, che non è ancora stato realizzato, ma del fatto che nel progetto si prevede l’apertura di una nuova finestra e l’iter per farlo.Innanzitutto: sì, in certi casi è possibile costruire una finestra supplementare anche se si abita in condominio. Vediamo il caso specifico: la posizione panoramica dell’edificio non ha penalizzato l’appartamento per essere al piano terra, tuttavia proprio l’essere al piano terra ed in collina è la causa delle finestre che, su un lato, non sono ad altezza normale ma sono posizionate a ridosso del soffitto, e hanno altezza ridotta.

L’alloggio si sviluppa per lo più sul fronte principale e qui le finestre sono delle dimensioni canoniche e prospettano sul giardino condominiale. Modificando la distribuzione interna e posizionando la zona giorno dove prima trovavano posto le camere, la soluzione migliore è stata quella di prevedere una nuova finestra in corrispondenza della cucina.

 

 

prima                                                                                                                  dopo

 

Ovviamente la posizione e le dimensioni della nuova finestra non derivano solo dalle esigenze interne dell’appartamento, ma sono il risultato di una mediazione tra esigenze distributive e disegno della facciata, che va comunque mantenuto, ancor di più in questo caso dove siamo in presenza di vincolo paesaggistico.

Dal punto di vista burocratico, ci sono vari passaggi: il primo è quello progettuale, dove va, tra le altre cose, verificata la sussistenza dei requisiti igienico-sanitari delle modifiche introdotte. Di norma io consiglio anche un consulto con un ingegnere strutturista, che potrà dare le indicazioni del caso anche su come operare materialmente in cantiere, nella fase di realizzazione dell’intervento.

Quindi il progetto va sottoposto all’assemblea condominiale che deve approvare la modifica alla facciata, dal momento che si tratta di una parte comune dell’edificio; ottenuto il nulla osta, si procede a richiedere, se necessario come in questo caso, l’autorizzazione paesaggistica e da ultimo a comunicare l’intervento al preposto ufficio comunale.

Tutto chiaro? Se vuoi approfondire l’argomento, scrivimi qui oppure prenota una consulenza, la trovi tra i miei servizi.

Se invece vuoi informazioni sui miei progetti, trovi i principali alla pagina portfolio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.